Misure di contenimento inquinamento atmosferico
Anche nella stagione invernale 2019/2020, il Comune di Vigonza adotta misure per contenere l'inquinamento atmosferico e ridurre le concentrazioni di PM10 nel territorio. Le misure sono previste dall'accordo interregionale del Bacino padano e condivise con il Tavolo tecnico zonale della Provincia di Padova.
I provvedimenti sono strutturati su tre livelli (verde, arancio e rosso) che si applicano in base alla comunicazione di Arpav in merito ai livelli di concentrazione di PM10. La comunicazione di Arpav viene trasmessa, al Comune, ogni lunedì e giovedì (giorni di controllo) e fa riferimento ai giorni antecedenti. Al raggiungimento del livello di allerta (arancio o rosso) si attiveranno le misure temporanee il giorno successivo a quello di controllo (il martedì e venerdì) e resteranno in vigore fino al giorno di controllo successivo.
Il bollettino emesso da Arpav è consultabile all’indirizzo www.arpa.veneto.it.
 

LIVELLO VERDE (nessuna allerta)
E' vietata la circolazione di:
•    autoveicoli (commerciali e non) alimentati a benzina "No-Kat" Euro 0 e Euro 1, dalle ore 8.30 alle ore 18.30;
•    autoveicoli (commerciali e non) alimentati a gasolio Euro 0, Euro 1, Euro 2, dalle ore 8.30 alle ore 18.30;
•    motoveicoli e ciclomotori a 2 tempi immatricolati prima dell'1.01.2000 o non omologati ai sensi della direttiva 97/24/CE, dalle ore 8.30 alle ore 18.30.
Le limitazioni vengono applicate dal 15 ottobre 2019 al 31 marzo 2020, da lunedì a venerdì dalle 8.30 alle 18.30 (con esclusione dei giorni festivi infrasettimanali).
E' prevista la sospensione delle limitazioni nel periodo natalizio dal 16 dicembre 2019 al 6 gennaio 2020.
Inoltre è obbligatorio lo spegnimento del motore dei veicoli merci, durante le fasi di carico/scarico, e degli autoveicoli in caso di coda "lunga" ai semafori.
 

LIVELLO DI ALLERTA 1° - ARANCIO (dopo 4 gg. consecutivi di superamento del valore di 50 µg/m3 di PM10)
E' vietata la circolazione di:
•    autoveicoli (commerciali e non) alimentati a benzina "No-Kat" Euro 0 ed Euro 1, dalle ore 8.30 alle ore 18.30;
•    autoveicoli (commerciali e non) alimentati a gasolio Euro 0, Euro 1, Euro 2;
•    motoveicoli e ciclomotori a 2 tempi immatricolati prima dell'1.01.2000 o non omologati ai sensi della direttiva 97/24/CE, dalle ore 8.30 alle ore 18.30.
Le limitazioni vengono applicate tutti i giorni (dal lunedì alla domenica), con gli eventuali limiti di orario sopra indicati.
Non è prevista la sospensione delle limitazioni nel periodo natalizio.
Inoltre è vietata la sosta con motore acceso per tutti i veicoli.

LIVELLO DI ALLERTA 2° - ROSSO (dopo 10 giorni consecutivi di superamento del valore di 50 µg/m3 di PM10)
E' vietata la circolazione di:
•    autoveicoli (commerciali e non) alimentati a benzina "No-Kat" Euro 0 e Euro 1, dalle ore 8.30 alle ore 18.30;
•    autoveicoli (commerciali e non) alimentati a gasolio Euro 0, Euro 1, Euro 2, Euro 3, dalle ore 8.30 alle ore 18.30;
•    motoveicoli e ciclomotori a 2 tempi immatricolati prima dell'1.01.2000 o non omologati ai sensi della direttiva 97/24/CE, dalle ore 8.30 alle ore 18.30.
Le limitazioni vengono applicate tutti i giorni (dal lunedì alla domenica), dalle ore 8.30 alle ore 18.30.
Non è prevista la sospensione delle limitazioni nel periodo natalizio.
Inoltre è vietata la sosta con motore acceso per tutti i veicoli.

ATTENZIONE: per verificare la classe di appartenenza del proprio veicolo è possibile confrontare la direttiva riportata nel terzo riquadro della carta di circolazione con le direttive indicate nel file nella sezione "Documenti" di questa pagina.

Dove

LE LIMITAZIONI RIGUARDANO SOLO ED ESCLUSIVAMENTE LE STRADE DI PROPRIETA' COMUNALE.

Rimangono escluse dalle predette limitazioni le strade di proprietà statale, regionale, provinciale, sulle quali, pertanto, è consentita la circolazione.
L'ordinanza e la mappa del territorio comunale (con indicate in colore verde le "strade" soggette a limitazione del traffico) sono consultabili nei documenti allegati alla presente comunicazione.
 

Veicoli in deroga e "titolo autorizzatorio"
Possono circolare i veicoli con motore elettrico o ibrido, veicoli alimentati a Gpl o gas metano e veicoli alimentati a benzina o a gasolio trasformati a Gpl o gas metano.
Tutte le deroghe sono consultabili nell'ordinanza ricompresa tra i documenti allegati alla presente comunicazione.
Sono previste ulteriori eccezioni da documentare con "titolo autorizzatorio". Il "titolo autorizzatorio" è una dichiarazione sottoscritta dal conducente che deve contenere gli estremi del veicolo, le indicazioni dell'orario, del luogo di partenza e di destinazione, oltre alla motivazione del transito. Il modulo di titolo autorizzatorio è ricompreso tra i documenti allegati alla presente comunicazione. In ogni caso il titolo autorizzatorio dovrà contenere, a pena di inammissibilità, tutti gli elementi riportati nell'allegato A all'ordinanza sindacale n. 108/2019.
 

Casi non previsti in ordinanza
Autorizzazioni in deroga per casi eccezionali, rispetto ai casi previsti in ordinanza, possono essere rilasciate dal Sindaco, che valuterà caso per caso. Per informazioni chiamare lo 049 8090241-242 (Ufficio Ambiente).

Sanzione
Chiunque, violando le limitazioni previste, circoli nel territorio di applicazione del provvedimento con veicoli appartenenti relativamente alle emissioni inquinanti a categorie inferiori a quelle prescritte, è soggetto ad una sanzione amministrativa pari ad euro 164,00 (art. 7 co. 13 bis del D.Lgs 30.04.1992 n. 285).
Se il pagamento avviene entro 5 giorni dalla data di accertamento o dalla notificazione del verbale viene applicata la misura agevolata pari a euro 114,80.
In caso di reiterazione della violazione nel biennio, è prevista la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da 15 a 30 giorni, ai sensi delle norme previste al capo I, sezione II, del titolo VI del Codice della strada.
 

Ulteriori limitazioni
L'accordo interregionale del Bacino padano, condiviso con il Tavolo tecnico zonale della Provincia di Padova, prevede ulteriori limitazioni che attengono al divieto di combustione all'aperto di materiale vegetale, al limite di 19° per le temperature medie in abitazioni ed esercizi commerciali, limiti nell'installazione di generatori di calore alimentati a biomassa, indicazioni in merito alle tipologie di pellet da utilizzare in taluni generatori di calore a pellet e riduzioni alle emissioni prodotte dalle attività agricole, eventuali divieti di spandimento liquami zootecnici, eventuali limitazioni al lavaggio strade.
Tali ulteriori limitazioni sono elencate nell'ordinanza in argomento, ricompresa tra i documenti allegati alla presente comunicazione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

16/10/2019